Regolamento

Art. 1 – INTRODUZIONE

Il presente regolamento è allegato allo Statuto dell’Associazione senza finalità di lucro, politiche e religiose denominata Ar.Tec. – Associazione scientifica per la promozione dei rapporti tra Architettura e Tecniche dell’Edilizia finalizzata ad una qualità diffusa del costruire.

Art. 2 – DOVERI DEGLI ISCRITTI

Nell’aderire all’Associazione i Soci si impegnano ad accettare e rispettare lo Statuto ed il presente Regolamento Interno ed a contribuire alla realizzazione degli scopi statutari.

L’adesione all’Associazione è compatibile con l’iscrizione a organismi similari purché questi ultimi non operino in contrasto con gli scopi, le finalità e gli obiettivi dell’Ar. Tec.

È dovere dei Soci operare in conformità a quanto deliberato dall’Assemblea e dalla Giunta, promuovere l’immagine dell’Associazione, pubblicizzare le sue iniziative, partecipare alle sue attività, incentivare la sottoscrizione di nuove adesioni.

I contributi e le iniziative atte a favorire, attraverso un dibattito culturale interno, la crescita dell’Associazione vanno presentati e discussi nelle sedi istituzionali (Assemblea dei Soci, Giunta, Commissioni interne, ecc.).

L’attività di ogni Socio non deve in alcun modo essere in contrasto con i principi che sottendono lo Statuto dell’Associazione.

Art. 3 – DOMANDA DI ISCRIZIONE

L’iscrizione all’Ar. Tec. si effettua inoltrando al Presidente dell’Associazione esplicita richiesta ai sensi dell’art. 4 e 5 dello Statuto, sottoscritta dal soggetto interessato e corredata da un curriculum professionale, scientifico e didattico.

La domanda, redatta su modulo elaborato ed approvato dalla Giunta, può essere inoltrata in qualsiasi mese dell’anno; la Giunta due volte l’anno valuta la richiesta e, con deliberazione motivata, dispone, ai sensi dell’art. 4 dello Statuto, l’iscrizione del richiedente tra i Soci Ordinari o tra i Soci Sostenitori.

L’iter per l’accoglimento del nuovo Socio è formalmente completato con il pagamento della quota sociale.

All’atto dell’iscrizione ciascun Socio è tenuto, ai sensi della Legge n. 675/96, a esplicitare il consenso al trattamento dei dati personali. L’Associazione si farà carico della pubblicizzazione dei dati curriculari e delle pubblicazioni di ciascun socio all’interno dell’Associazione al fine di incentivare la crescita culturale e le collaborazioni scientifiche e di ricerca.

La nomina di Soci Onorari può essere richiesta da qualsiasi Socio, con congrua motivazione, al Presidente che, raccolto il parere positivo della Giunta, la sottopone all’Assemblea per la definitiva approvazione.

Art. 4 – QUOTA SOCIALE

La quota Sociale, che con cadenza annuale ciascun Socio è tenuto a versare, giusto quanto riportato all’art. 20 dello Statuto, è stabilita dalla Giunta nella prima riunione utile di ciascun anno solare; essa è determinata sulla scorta del consuntivo analitico di bilancio dell’anno precedente e delle previsioni per quello appena iniziato.

L’entità di detta quota è fissata annualmente dalla Giunta e ratificata dall’Assemblea.

E’ stabilita una quota ridotta, pari al 50% di quella ordinaria, riservata a dottorandi, assegnisti e altro personale non strutturato, di eta’ inferiore a 35 anni.

Il pagamento della quota Sociale va rinnovato, pena la decadenza della condizione di Socio ordinario accreditato, per ciascun anno solare a stretto giro dopo la pubblicizzazione via e-mail del nuovo importo della stessa e comunque non oltre il mese di febbraio.

A tal proposito gli iscritti si impegnano a comunicare al Presidente in tempo utile eventuali variazioni di indirizzo di posta elettronica.

La qualità di Socio ordinario dà diritto all’elettorato attivo e passivo nell’Assemblea generale.

La qualità di Socio ordinario con pagamento di quota di iscrizione ridotta, non dà diritto ne all’elettorato attivo ne a quello passivo nell’Assemblea generale.

I Soci onorari non sono tenuti a versare la quota sociale.

 

Art. 5 – UTILIZZO DEI FONDI

Le quote sociali, al pari delle altre entrate previste ai sensi dell’art. 19 dello Statuto, potranno essere utilizzate solo ed esclusivamente per gli scopi istituzionali dell’Ar. Tec. .

L’Associazione può concedere finanziamenti a ricercatori e laboratori che perseguono finalità di ricerca compatibili con gli obiettivi stabiliti nello Statuto, e ciò sia singolarmente che nell’ambito di convenzioni specifiche.

Le prestazioni d’opera di tipo occasionale a qualsiasi titolo elargite all’Associazione vengono definite contrattualmente dalla Giunta con contratti secondo la legislazione vigente. Per le attività istituzionali del Presidente, della Giunta e degli altri organismi dell’Associazione è ammesso il solo rimborso delle spese vive documentate come di seguito riportato.

Il Tesoriere è autorizzato al pagamento delle spese necessarie alla gestione ordinaria dell’Associazione, per l’eventuale partecipazione all’organizzazione del congresso annuale, per il canone del sito web e per la costruzione e l’aggiornamento di quest’ultimo, e per eventuali iniziative che venissero deliberate in relazione al programma annuale delle attività.

In occasione delle riunioni della Giunta, ai singoli componenti vengono rimborsate le spese vive di trasporto documentate.

Nel caso di utilizzo di un mezzo proprio, in aggiunta alle spese di viaggio documentate verrà effettuato un rimborso forfetario pari a 0.25 €/km.

Ciascun componente deve compilare il modulo appositamente predisposto, sul quale sono riportate anche le coordinate bancarie che permettano al Tesoriere di effettuare il rimborso direttamente.

Il Tesoriere può disporre autonomamente il rimborso delle spese di viaggio documentate dei componenti della Giunta con la sola esclusione delle proprie, che devono essere validate dal Presidente.

Nel caso in cui i componenti della Giunta si riuniscano in sottogruppi di lavoro senza una convocazione ufficiale, le spese di viaggio documentate verranno rimborsate solamente se Presidente e Tesoriere saranno stati informati formalmente via e-mail almeno 24 ore prima dell’incontro.

Nel caso in cui il sottogruppo di lavoro sia costituito dal Presidente e dal Tesoriere, sarà il vice-Presidente a validare le documentazioni necessarie per il rimborso.

Art. 6 – CONVOCAZIONE DELL’ASSEMBLEA DEI SOCI

La convocazione dell’Assemblea dei Soci è effettuata via e-mail con messaggio di conferma o per posta ordinaria dal Presidente ed inviata dal Tesoriere almeno trenta giorni prima della riunione; tale termine può essere abbreviato ove mai si ravvisasse un motivo di giustificata urgenza.

L’avviso di convocazione deve contenere la data, la sede della riunione e l’ordine del giorno dei lavori; esso dovrà essere altresì corredato da tutti gli eventuali documenti contabili ed amministrativi necessari alla ottimale comprensione delle problematiche da dibattere.

Art. 7 – ASSEMBLEA DEI SOCI E SVOLGIMENTO DEI LAVORI

L’Assemblea, coordinata dal Presidente è riservata ai soli Soci; del suo svolgimento è redatto apposito verbale a cura del Tesoriere da depositare agli atti dell’Associazione.

Quando l’Assemblea procede al rinnovo delle cariche sociali, i Soci nominano all’inizio dei lavori una Commissione Elettorale, composta da un presidente, un segretario ed uno scrutatore, avente il compito di raccogliere le candidature per le cariche di cui agli artt. 15, 16, 17, 18 dello Statuto ed attendere alle operazioni di voto e di scrutinio.

Le candidature sono pubbliche e riservate ai soli Soci; l’esercizio del voto è effettuato in modo segreto.

Ciascun Socio può esprimere una sola preferenza per l’elezione del Presidente; analoga limitazione è posta per l’elezione dei membri della Giunta.

Non è ammesso il voto per delega.

Quale che sia la carica per cui si vota, sono eletti quei candidati che avranno raccolto il maggior numero di preferenze.

Art. 8 – RIUNIONI E DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA
La Giunta è convocata via e-mail o per posta ordinaria dal Tesoriere su sollecitazione del Presidente, almeno quindici giorni prima della riunione; tale termine può essere abbreviato ove mai si ravvisasse un motivo di giustificata urgenza.

I lavori della Giunta sono coordinati e diretti dal Presidente o, in sua assenza dal vice-Presidente.

Le votazioni della Giunta sono effettuate in modo palese eccezion fatta per questioni legate a persone; il voto del Presidente ha valenza doppia.

La Giunta in quanto organo di coordinamento svolge la propria attività raccogliendo i contributi innovativi della ricerca svolta dai soci aderenti e dagli organismi/gruppi che ad essi fanno riferimento.

Essa opera:
  • redigendo il programma annuale delle attività
  • promuovendo lo svolgimento dei congressi tematici e di consuntivo dello stato dell’arte
  • facendosi carico della divulgazione dei risultati della ricerca.
  • istituendo collegamenti stretti con il settore delle costruzioni, con i settori produttivi ad esso correlati, con gli organismi di rappresentanza delle categorie professionali interessate, con gli enti di ricerca pubblici e privati, con le stazioni appaltanti di opere pubbliche e con gli enti territoriali coinvolti nel processo di trasformazione del paesaggio costruito.
Art. 9 – ALTRI ORGANISMI

La Giunta in relazione allo svolgimento delle attività di competenza può istituire Commissioni, Gruppi di Lavoro, Comitati Tecnici e Comitati Scientifici da impegnare rispettivamente su tematiche ricadenti negli ambiti culturali di interesse dell’Associazione.

Le Commissioni sono istituite su ampie tematiche di interesse generale e trasversali a detti ambiti.

I Gruppi di Lavoro sono costituiti su argomenti di interesse specifico e pertinenti ad uno o più ambiti.

I Comitati Tecnici e quelli Scientifici, istituiti con delibera della Giunta, si occupano, su delega della stessa, di particolari tematiche di interesse dell’Associazione.

All’atto dell’istituzione di detti organismi, tutti a carattere temporaneo, la Giunta ne dovrà indicare chiaramente gli obiettivi, il tempo a disposizione per l’espletamento del mandato, il nominativo del referente coordinatore.

Art. 10 – SITO WEB
L’Associazione gestisce un proprio sito web alla cui implementazione e aggiornamento sono chiamati a partecipare tutti i Soci; detto sito è comunque aperto a tutti coloro che, pur non iscritti, condividono dall’esterno gli obiettivi dell’Ar. Tec. e collaborano alle sue iniziative.

Sul sito sarà riportato tra l’altro il Bollettino dell’Associazione e l’elenco dei Soci, con indicazione degli ambiti culturali di specifico interesse e delle pubblicazioni scientifiche prodotte.

Possono essere immessi sul sito web pubblicazioni scientifiche su tematiche ricadenti negli ambiti culturali dell’Ar. Tec., previo parere positivo della Giunta, o del Comitato di redazione all’uopo delegato, e su autorizzazione dell’autore.

Si istituisce il ruolo di Corrispondente Ar. Tec., figura che, con riferimento ad una determinata sede universitaria e al relativo ambito territoriale, ha il compito di incentivare e segnalare eventi di interesse per le finalità dell’Associazione e di collaborare all’aggiornamento del sito. Tale carica, assegnata dalla Giunta, ha durata di due anni.

Art. 11 – PUBBLICAZIONI DELL’ASSOCIAZIONE
Il patrimonio di pubblicazioni dell’Associazione è costituito da:
  1. Bollettino Ar. Tec.,
  2. monografie, ed atti di manifestazioni culturali e scientifiche pubblicati a cura dell’Associazione,
  3. pubblicazioni acquistate dall’Associazione o che comunque pervengano in suo possesso per donazione da parte dei Soci e di soggetti terzi.

L’elenco delle pubblicazioni sarà periodicamente pubblicizzato presso i Soci e potrà essere consultato sul sito web dell’Associazione.

Sino a quando l’Associazione non avrà una sede stabile le pubblicazioni saranno temporaneamente depositate presso la biblioteca del Dipartimento di afferenza del Tesoriere e saranno disponibili alla libera consultazione nell’orario di apertura al pubblico.

La richiesta di dette pubblicazioni e la loro distribuzione sarà regolamentata da apposito protocollo istituito dalla Giunta d’intesa con i responsabili della citata biblioteca.

Le pubblicazioni hanno lo scopo di raccogliere e diffondere lo stato dell’arte sulle specifiche tematiche del costruire e della qualità architettonica a livello nazionale.

Art. 12 – IL BOLLETTINO AR. TEC.

Il Bollettino Ar. Tec., rivista on line ufficiale dell’Associazione, avrà cadenza semestrale. In esso saranno pubblicate le notizie previste dallo Statuto e dal presente Regolamento, informazioni relative all’attività della Giunta e degli altri organismi dell’Associazione, le rubriche aperte al contributo di tutti i Soci su temi e avvenimenti di interesse dell’Ar. Tec., nonché articoli divulgativi e brevi lavori originali e inediti.

La pubblicazione del Bollettino Ar. Tec. è curata da un comitato tecnico-scientifico di redazione composto dal Presidente, dal Segretario e da cinque membri, nominati dalla Giunta, scelti tra i Soci, tra eminenti personalità italiane e straniere del settore e tra rappresentanti di istituzioni e/o organismi di riconosciuto valore nei campi di interesse dell’Associazione.

Art. 13 – CONGRESSO ANNUALE
In occasione dell’annuale Assemblea dei Soci, l’Associazione organizza un congresso scientifico su temi di grande rilevanza.

La Giunta, direttamente o attraverso comitati all’uopo delegati, ha il compito di scegliere la sede dell’evento almeno con anticipo di due anni, di individuare per tempo i filoni scientifici di ricerca su cui si intende incentrare l’incontro, di attivarsi per il massimo coinvolgimento degli studiosi all’iniziativa, di pubblicizzare quest’ultima presso i Soci e presso personalità ed organismi esterni che possano avere interesse ad aderire e/o a contribuire all’iniziativa.

Art. 14 – ALTRE INIZIATIVE
L’Associazione promuove convegni e seminari scientifici, dibattiti e altre attività culturali nei modi e nei tempi stabiliti dall’Assemblea e/o dalla Giunta.

Qualunque Socio può intraprendere iniziative a nome dell’Associazione. In tal caso egli deve presentare richiesta al Presidente che la dovrà porre all’attenzione della Giunta.

Il parere espresso da tale organismo, inappellabile, riporterà le motivazioni che hanno indotto all’accoglimento o al rigetto della richiesta. In caso di accoglimento la Giunta potrà imporre prescrizioni consistenti nel rispetto di particolari condizioni o di precise modalità.

Art. 15 – MODIFICA AL REGOLAMENTO

Il presente Regolamento può essere modificato da deliberazioni della Giunta assunte per autonoma iniziativa o a seguito di proposte di variazione sottoscritte da almeno dieci Soci.

Le modifiche saranno valide se approvate da almeno due terzi dei membri della Giunta incluso il Presidente.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: